Alessandro Benetton
Economia

Alessandro Benetton: super metalli e laser, alla 21 Invest la Aussafer Due

Anche un momento di crisi come quello attuale può generare opportunità. Lo dimostra 21 Invest, il gruppo di investimento europeo fondato e guidato da Alessandro Benetton. Dopo l’annuncio della cessione di Poligof alla società di investimento spagnola Portobello Capital, ha concluso l’acquisizione di Aussafer Due, una realtà friulana attiva nel settore della meccanica di precisione. Nata negli anni Sessanta dall’intuizione della famiglia Citossi – che ancora oggi guida l’azienda – e con sede a San Giorgio di Nogaro (Udine) Aussafer opera nel settore della lavorazione di metalli e lamiere per applicazioni in diversi settori industriali, con un focus sull’elettromeccanica e sul taglio laser di precisione. Negli anni l’azienda ha investito in tecnologie e innovazione e ora può contare su macchinari di ultima generazione, che consentono una maggiore efficienza e sostenibilità nei processi produttivi. Nel 2019 Aussafer, che dà lavoro a circa 100 dipendenti, ha generato ricavi per circa 30 milioni di euro, di cui più del 25% realizzati all’estero. Alla guida dell’azienda ci sono i fratelli Claudio e Luisa Citossi, ma nella prossima fase di sviluppo insieme a 21 Invest subentrerà il 32enne Giacomo, figlio di Claudio, come amministratore delegato, abbracciando l’idea di ricambio generazionale e di valorizzazione dei giovani su cui punta il gruppo fondato da Benetton. L’obiettivo dell’acquisizione è rafforzare il posizionamento dell’azienda friulana nel mercato italiano e consentire l’espansione anche a livello europeo. “Aussafer è una realtà industriale del territorio che rispecchia le caratteristiche di una buona e sana azienda del nostro Paese – ha detto Alessandro Benetton, presidente e fondatore di 21 Invest -. L’attenzione avuta dalla famiglia Citossi e dal suo attuale management nell’innovare costantemente i propri processi, prendendosi cura dei propri clienti e fornitori, e soprattutto senza tralasciare l’aspetto della sostenibilità ambientale, è un punto di partenza fondamentale per 21 Invest, che metterà a disposizione le sue competenze per la creazione di un polo industriale delle lavorazioni meccaniche di precisone”.

FONTE:  Corriere Della Sera

AUTORE: Alice Scaglioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 9 =