Auro Palomba
Aziende

Auro Palomba: “Italia deve lavorare in termini di senso civico e condivisione”

Siamo tutti generosi con le tasche degli altri. Lo spettacolo che il Paese sta offrendo al mondo, di fronte ai necessari tagli richiesti dal governo Monti, dimostra che c’è ancora molto da fare in termini di senso civico e di condivisione. C’è consenso sul fatto che bisogna rimettersi in riga per provare a riportare l’Italia in carreggiata, ma nessuno sembra essere disposto a fare sacrifici per aiutare a risolvere il problema. Sta di nuovo emergendo una tendenza, il “benaltrismo”, ovvero la convinzione che siano sempre “ben altri” i punti che andrebbero toccati. In questo non ci batte nessuno. Eppure, è così chiaro che questo sia un Paese pieno di costi inutili e di lacci e lacciuoli che andrebbero solo slegati. In questa newsletter abbiamo provato a chiedere a esponenti dei vari consessi sociali che cosa sarebbe per loro auspicabile fare per provare a rendere l’Italia un luogo normale, che possa competere con i propri parigrado. Un Paese con meno corporazioni, ordini, costi inutili e stipendi regalati, con meno bolli, tasse oc-culte, rigidità, evasione fiscale. Un Paese che invogli gli stranieri e venire qui a investire, senza avere a che fare con leggi incomprensibili, contratti insensati e tempi che rendono impossibile produrre. Con un po’ di sorpresa, che ci rende felici, abbiamo scoperto che la questione è chiara a molti, così come la voglia di cambiare, ognuno per la propria parte. Quando il problema è chiaro, e fra i protagonisti – almeno fra alcuni di loro – c’è il desiderio di migliorare, allora non si può che provare a farlo. Non sarà una passeggiata di salute, ne siamo certi, ma oggi è il momento giusto. Ce lo chiede l’Europa, ce lo chiedono i conti, ce lo chiedono i mercati ma, soprattutto, ce lo chiedono i nostri figli. Vogliamo davvero continuare a distruggere quello che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni sessanta anni fa, o vogliamo invece provare a non farci odiare da chi verrà dopo di noi? La scelta ci sembra semplice e obbligata.

Auro Palomba

FONTE: Fondazione Nordest
AUTORE: Auro Palomba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 3 =