Gianni Vittorio Armani
Energia

Ireti vince la gara per il servizio idrico integrato nella Provincia di Reggio Emilia: il commento di Gianni Vittorio Armani

Insieme per ridurre lo spreco idrico e rafforzare la rete fognaria: sono obiettivi importanti che interesseranno la Provincia di Reggio Emilia nel prossimo futuro. Iren ha infatti rilasciato una nota ufficiale per comunicare che ATERSIR (Agenzia Territoriale dell’Emilia-Romagna per i Servizi idrici e i Rifiuti) ha scelto Ireti S.p.A. come aggiudicataria della gara per la selezione del socio privato di Azienda reggiana per la cura dell’acqua. Si tratta di gestire il Servizio idrico integrato per quanto concerne la Provincia di Reggio Emilia, un compito importante soprattutto per ridurre gli sprechi e far fronte al climate change.

La società mista Arca sarà titolare della concessione della SII per la zona, un’area che comprende 41 Comuni (ad eccezione di Toano) e interessa oltre 500.000 abitanti. Si prevede di partire a inizio 2024 e di proseguire per 17 anni, per un valore stimato del Servizio che ammonta a 1,255 miliardi di euro.

Siamo soddisfatti”, ha dichiarato Gianni Vittorio Armani, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Iren, in merito all’esito della gara che “rappresenta un’ulteriore conferma dell’impegno di Iren sul territorio emiliano”. Gli investimenti si concentreranno sulle reti e sugli impianti del ciclo idrico integrato. L’obiettivo è ridurre ulteriormente le perdite, che al momento sono pari a circa il 23% (a fronte di una media nazionale di oltre il 40%), e lavorare sull’efficientamento energetico. Si prevede inoltre una ristrutturazione capillare della rete fognaria, comprendendo anche la realizzazione di nuove opere e impianti.

La gestione del servizio idrico integrato di Reggio Emilia già oggi è un esempio di eccellenza a livello nazionale”, ha commentato Gianni Vittorio Armani, sottolineando in seguito l’impegno per fare ancora meglio. “Vogliamo ridurre ulteriormente le perdite di rete scendendo fino al 15% entro il 2030”, ha specificato l’AD e DG. Sarà fondamentale, ha spiegato, usare consapevolmente le risorse e fornire risposte concrete per arginare il problema dell’approvvigionamento idrico sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − quattro =