Technacy logo
Aziende

Technacy apre ai mercati esteri: in Marocco per la Fiera Gitex Africa

Technacy, azienda specializzata nel settore TLC, si sta aprendo ai mercati esteri con particolare attenzione all’Africa, un continente in costante crescita demografica e tecnologica. Grazie all’adozione sempre maggiore degli smartphone e all’aumento dei volumi di traffico dati, il mercato TLC africano promette di diventare sempre più rilevante a livello internazionale.

Recenti statistiche pubblicate dal GSMA, l’associazione mondiale di aziende TLC, indicano che entro il 2030 l’adozione degli smartphone nella regione africana Sahariana potrebbe raggiungere l’87%, mentre il traffico mensile di dati mobili potrebbe quadruplicare entro il 2028 nella regione sub sahariana. Questi dati confermano l’importanza di puntare sui mercati africani per le aziende del settore TLC. Technacy, che fa parte del GSMA da due anni, ha partecipato per la prima volta alla fiera Gitex Africa a Marrakech, in Marocco, dove ha presentato il suo prodotto di punta Netmon insieme alla business unit FBL Mobile Company che ha presentato il prodotto “Wait4call”. L’azienda ha colto l’occasione per stringere contatti con i principali operatori africani e per valutare le possibilità di espansione nel continente.

Il fondatore e CEO di Technacy, Vittorio Foschi, ha espresso grande soddisfazione per l’esperienza positiva alla fiera Gitex Africa. “Abbiamo registrato un forte interesse da parte dei visitatori e preso contatti con importanti operatori africani. Questa esperienza ci ha confermato l’importanza di puntare sul mercato africano, che promette grandi opportunità di crescita per il futuro”. L’azienda cervese, che ha già consolidato la sua presenza nella penisola iberica, ha ricevuto il sostegno della regione Emilia Romagna che ha destinato fondi UE per il processo di export delle soluzioni software per operatori di telecomunicazione e mobility management. Questo sostegno permetterà a Technacy di continuare il proprio processo di apertura ai mercati esteri, con particolare attenzione all’Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 5 =